I’m not into Social Media

on marzo 15 | in Social Media Marketing | by | with No Comments

Volevo condividere con voi qualche riflessione, stavo iniziando a scrivere un post, ma poi mi sono reso conto che qualcuno l’aveva già fatto…

Ecco quindi il post che non ho scritto, ma avrei voluto scrivere… ;)

I’m not into Social Media, di Chris Brogan

Adoro scrivere post ai quali so che non crederete. Ma è vero. Davvero non mi importa più molto dei social media. Un tempo, sì. Ma non sono certo la cosa più figa del mondo.

E quindi?

Sono abbastanza convinto che in molti comincino a  stufarsi dei social media, per loro fortuna. Avete visitato recentemente l’home page di Mashable? Io l’ho appena fatto: ci sono post su Lady Gaga, Barack Obama, un gufo, un articolo su Comcast che ha acquisito la quota di NBC Universal di General Electrics. E penso anche che sia giusto.

Non li sto affatto criticando. Ma solo pochi anni fa, ogni singolo post avrebbe trattato di qualche strano tool con un “tw” all’interno del nome e drammatiche dichiarazioni sulla imminente  “morte di Facebook” o Foursquare …o di qualcos’altro.

I famigerati post su “tool” & co. semplicemente non sono poi più così interessanti. Siamo tutti comunque “sul pezzo”, puoi starne certo. Dobbiamo sapere come quel servizio XYZ potrebbe impattare sui nostri obiettivi di business, assolutamente. Ma ho la sensazione che il tanto parlare e scrivere e condividere di social tools fine a sé stesso si stia un po’ asciugando. Non credete?

Vogliamo dire (e fare) cose più interessanti

Vogliamo, volete. Voglio. Ovviamente mi piace ancora parlare di marketing, e sto giusto pensando ad un post sul content marketing che dovrebbe proporre un po’ di informazioni davvero utili. Ma penso anche  che non valga più la pena parlare di tutto quel “ehi wow, questa cosa è super figa” e “ho tutte le ultime app e adoro usarle”. Piuttosto, possiamo parlare di obiettivi, di risultati, di cosa effettivamente abbiamo intenzione di fare con quali tool.

Potremmo investire un po’ del nostro tempo scrivendo e raccontando i nostri successi e insuccessi, dicendo cosa vorremmo fare, se tutto va come deve andare. Forse lavoreremo su come riuscire a fare di più, forse lavoreremo su come veder fatto il lavoro che vogliamo fare, oltre a quello che dobbiamo fare. Forse possiamo fare cose (e creare storie) migliori invece che fissare le mani sulla tastiera.

Ma poi chi sono io?

Eliminate questo post come un inutile sproloquio. Disprezzatelo come spazzatura. Continuate ad assumere che sono ancora tanti quelli che fremono a sentir parlare di questo o quel nuovo tool dalla strana pronuncia o di quello spazio così cool. Va bene lo stesso.

Volete sapere cosa mi interessa davvero ora? Imparare in modalità “do it yourself”. Creare il proprio personale bagaglio di competenze e know-how anziché attendere guardandosi intorno, cercare di scoprire ciò che è importante per quello che si intende fare nella carriera  o nella vita. Ma questo sono io.

E tu? What are you into?

DISCLAIMER: Il post è liberamente tradotto da “I’m Not Into Social Media” di Chris Brogan, a cui rivolgo i miei più sinceri complimenti.

The following two tabs change content below.

Riccardo Scarascia

Digital Marketer
Una laurea in Economia ed un master in Marketing e Comunicazione, innamorato di Internet e delle nuove forme di comunicazione, lavora come Digital Marketer e scrive di Social Media e Social Media Marketing sul suo blog nOwmedia.it.

Ultimi post di Riccardo Scarascia (vedi tutti)

Commenti su Facebook

commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »

Scroll to top